Analfabetismo funzionale

Apparentemente, un analfabeta funzionale non necessita dell’aiuto di nessuno per leggere o scrivere.
Egli, infatti, sa certamente scrivere il proprio nome, aggiornare il proprio profilo Facebook o scrivere un SMS.
Tuttavia, davanti a testi o eventi complessi, è praticamente incapace di coglierli nella loro interezza.
Questa tipologia di analfabetismo può essere vista come una forma di miopia >>>>>

Le vostre passioni contagiate

Il docente non insegna.

Non imprime i suoi saperi nella mente dei suoi studenti.

Un maestro contagia i suoi amori…………………

Tutto ciò che egli ama passa nel cuore dei suoi studenti.

<<Come scintilla di fuoco ad accendere altro fuoco>>.

da “MAESTRE AMATE di Umberto Tenuta

CANTO 592 Amate siete in tutto ciò che amate.”

Figure

Aggiudicato!

Primi passi con Scratch

Emanuele De Grandi – Scratch è un linguaggio di programmazione nato al MIT di Boston dall’evoluzione di eToys, un ambiente di sviluppo pensato per ragazzi e basato sul linguaggio di programmazione Squeak >>>>

La particolarità di Scratch è di permettere all’utente di programmare senza scrivere una sola riga di codice, ma utilizzando dei blocchi preconfezionati.

Leggi l’articolo: Scratch

Ossessione

Pensierino di metà agosto:

cookie

 

La classe capovolta

Iteressante! Immagini comprese.

Aspetti bio-cronologici

Ritmi biologici diversi

«La salute del bambino a scuola deve prevalere su ogni altra considerazione – afferma il professor Yvan Touitou…… L’organizzazione famigliare e altri fattori funzionali agli adulti sono argomenti che secondo gli esperti dovrebbero venire dopo, molto dopo, ai ritmi biologici dei bambini e dei ragazzi……….. Occorre innanzitutto distinguere i ragazzi dai bambini: i primi dovrebbero poter dormire fino a tardi, e andare a scuola dopo aver avuto la possibilità di carburare. I secondi invece sono bisognosi, quanto più sono piccoli, di tante pause, periodi di apprendimento non troppo prolungati e possibilmente vacanze non troppo lunghe, onde impedire la regressione. >>>>>> da “Corriere della sera”